Home - Premio Biennale Cittą di Ozieri
  


  Home > L'Associazione > Atto costitutivo e Statuto

Atto Costitutivo di Associazione


Repubblica Italiana

L'anno millenovecentoottantotto, il giorno trenta del mese di genaio (30 gennaio 1988).
In Ozieri, nel mio studio, in via Vittorio Veneto n.c. 52;
Avanti a me, dr. Mariangela Musitelli, notaio iscritto nel ruolo dei distretti notarili riuniti di Sassari, Nuoro e Tempio Pausania, con residenza in Ozieri, senza l'assistenza dei testimoni, per espressa rinuncia, di comune accordo e con il mio consenso, degli infrascritti comparenti, sono comparsi i signori: .....
Detti comparenti, della identità personale io notaio sono certo, dichiarano con il presente atto di costituire una associazione sotto la denominazione di "Associazione Premio Città di Ozieri per Cori Tradizionali Sardi".
La Associazione ha sede in Ozieri (Sassari) in piazza San Sebastiano c.n. 3.
La durata dell'Associazione è a tempo indeterminato. 
La Associazione è regolata, oltre che dalle disposizioni legislative in materia, da quelle contenute nel presente atto costitutivo e nello statuto composto di numero 24 articoli che i comparenti mi esibiscono dichiarando di ben conoscerne ogni sua parte e che io notaio allego al presente atto sotto la lettera A) onde formarne parte integrante e sostanziale.
La Associazione ha gli scopi indicati nell'articolo 2 dell'allegato Statuto Sociale, compreso quello di promuovere, organizzare ed attuare ogni biennio il concorso per cori vocali (a 4 voci) tradizionali sardi, sotto il nome di "Premio Città di Ozieri per Cori Tradizionali Sardi" stabilendone il relativo regolamento, curandone periodicamente la pubblicazione dei canti premiati, anche al fine di portarli a conoscenza delle persone e degli ambienti culturali e scolastici interessati, e compiere le attività indicate nel succitato articolo 2. 
[...] 
I comparenti nominano all'unanimità il primo Consiglio Direttivo della Associazione nelle persone degli Associari signori: 
Aini Antonio Giuseppe, Ghisaura Pietro, Lai Antonello Michele Ugo, Longu Eleuterio, Becugna Giovanni, i quali accettano e, riuniti in Consiglio, nominano quale Presidente il signor Aini Antonio Giuseppe, quale Vice Presidente il signor Ghisaura Pietro, quale Segretario il signor Lai Antonello Michele Ugo, i quali accettano la carica.
A comporre il primo Collegio dei Revisori dei Conti della Associazione i comparenti nominano all'unanimità gli associati signori: Salis Gavino Luigi, Sgarangella Rosario, Meledina Mario Salvatore, i quali accettano. 
A Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti della Associazione viene nominato l'associato signor Meledina Mario Salvarore, il quale accetta la carica.
La quota associativa per il primo anno viene stabilita in lire 50.000 (cinquantamila) che risulta versata dai comparenti, per cui il patrimonio iniziale della Associazione è di lire 400.000 (quattrocentomila).
Le spese del presente atto e conseguenti tutte sono ad esclusivo carico della Associazione qui costituita.
I comparenti dispensano me notaio dalla lettura dello Statuto come sopra allegato al presente atto sotto la lettera A) in quanto dichiarano di averne avuto preventiva e piena conoscenza e come tale avendolo approvato. 
I comparenti dichiarano che il loro numero di codice fiscale corrisponde a quello citato in comparsa per ciascuno di loro.
Richiesto io notaio ho ricevuto il presente atto scritto parte a macchina da persona di mia fiducia e completato da me di mio pungno, atto che ho letto, omessane la lettura dell'allegato per espressa dispensa dei comparenti medesimi, ai comparenti i quali lo approvano e, a mia domanda, lo dichiarano conforme alla loro volontà 

Ozieri, 30 Gennaio 1988

 

Statuto


Titolo I - Denominazione - Sede - Scopi

Art. 1
È costituita una associazione denominata "Associazione Premio Città di Ozieri per Cori Tradizionali Sardi", con sede in Ozieri 

Art. 2

L'associazione, escluso ogni fine di lucro e senza discriminazioni di carattere religioso, ideologico, politico e razziale, si propone di: 

a) promuovere, organizzare ed attuare ogni biennio il concorso per coli vocali (a 4 voci) tradizionali sardi, sotto il nome di "Premio Città di Ozieri per Cori Tradizionali Sardi", stabilendone il relativo regolamento, curando pubblicamente la pubblicazione dei canti premiati, anche al fine di portarli a conoscenza delle persone e degli ambienti culturali e scolastici interessati;

b) ritrovare e recuperare i valori dell'identità sarda con una attenta lettura e riflessione del passato, considerata la complessità e varietà suoi dialetti e parlate. 

c) incoraggiare e sostenere l'attività di persone, associazioni, enti pubblici e privati, che si propongono finalità simili nel campo linguistico, letterario ed artistico;

d) l'Associazione "Premio Città di Ozieri per Cori Tradizionali Sardi" persegue l'intento di creare un gruppo di impegno finalizzato alla valorizzazione nelle forme originali, del canto polivocale in Sardegna, anche tramite l'indizione del Permio omonimo, con scadenza biennale;

Il fine dell'Associazione è quello di fissare un appuntamento nel quale gli operatori culturali, sensibilizzati alla ricerca ed al recupero delle forme espressive più ricche nella originalità e peculiarità esprimano un consapevole status del canto polivocale in Sardegna nello scambio di esperienze tra le varie specifiche esperienze. 
La forza dell'operazione si evidenzia per l'assenza di analoghe iniziative opportune a focalizzare la condizione reale del canto sardo, in un momento di pressante diffusione di cultura da mass-media, certo preoccupante per l'incolumità dell'intera cultura popolare in Sardegna.
L'idea dell'Associazione Premio Città di Ozieri per Cori Tradizionali Sardi è creare con il "Premio" un punto di riferimento fondamentale per ispirare in forma corretta la più originale produzione del canto polivocale in Sardegna. 

Titolo II - Associati 

Art. 3

Per far parte dell'Associazione orrorre farne domanda scritta al COnsiglio Direttivo, accettare ed osservare lo Statuto, pagare annualmente la quota associativa.
Il Consiglio Direttivo, accertata l'esistenza dei requisiti necessari, delibera sulla domanda di ammissione. Nel caso che la domanda venga respinta l'interessato può ricorrere, entro un mese dalla comunicazione, all'Assemblea, che delibera in modo definitivo. 

Art. 4

La qualità di associato si perde per: 
a) recesso che ha effetto con la fine dell'anno in corso, se comunicato al Consiglio Direttivo almeno tre mesi prima; 
b) morosità contestata; 
c) esclusione pronunciata dal Consiglio Direttivo in seguito ad attività contrastante con le norme statutarie o per motivi di altro genere che possano screditare la Associazione e la sua attività. 
La delibera del COnsiglio perde validità se non ratificata dalla prima Assemblea. 

Art. 5 

Gli associati, persone ed enti, si dividono in categorie:
a) ordinari: quelli che pagano la quota annuale;
b) sostenitori: quelli che hanno ricevuto tale qualifica dal Consiglio Direttivo in seguito ad elargimenti di contributi economici di particolare entità
c) onorari: quelli che hanno ricevuto tale qualifica con deliberazione dell'Asesmblea in riconoscimento di particolari meriti acquisiti nel campo in cui l'associazione svolge la propria attività
Gli associati onorari non possono assumere cariche associative e non hanno diritto di voto attivo o passivo negli Organi Collegiali.

Art. 6

Gli associati hanno diritto di frequentare i locali dell'associazione, di usufruire di tutti i serviei e di prendere parte alle attività dell'Associazione stessa.

Titolo III - Patrimonio - Esercizi Finanziari

Art. 7

Il patrimonio dell'Associazione è costituito da: 
a) le quote degli associati;
b) i beni derivanti da elargizioni, lasciti, donazioni o acquisti;
c) gli eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio e da ogni altro provento.

Art. 8

L'esercizio finanziario dell'Associazione chiude il 31 dicembre di ogni anno.
Alla fine di ogni esercizio vengono predisposti dal Consiglio Direttivo il bilancio consuntivo e quello preventivo, la relazione morale e finanziaria con lo stato patrimoniale ed il rendiconto di gestione.

Titolo IV - Organi Associativi

Art. 9

Gli organi dell'associazione sono:
a) L'Assemblea
b) Il Presidente
c) Il Consiglio direttivo
d) Il Consiglio dei Revisori dei Conti

Art. 10

L'Assemblea degli associati è convocata almeno una volta all'anno dal COnsiglio Direttivo ed inoltre quando si presenta la necessità ed opportunità e quando ne è fatta richiesta da almeno un terzo degli associati.
L'Assemblea delibera in merito a: a) la relazione morale e finanziaria con lo stato patrimoniale ed il rendiconto di gestione, all'atto della presentazione del bilancio consuntivo e di quello preventivo da parte del Consiglio Direttivo in una con la relazione dei revisori dei conti;
b) le proposte su argomenti od affari concernenti l'attività dell'Associazione; 
c) le proposte relative all'ammontare della quota associativa annuale; 
d) l'elezione dei componenti del COnsiglio Direttivo e dei componenti del Collegio dei Revisori dei Conti;
e) le modifiche dell'atto costitutivo e statuto; f) quanto altro ad essa demandato per legge o per statuto.

Art. 11

L'Assemblea degli associati viene convocata dal Consiglio Direttivo, mediante comunicazione scritta diretta a ciascun associato e contenente l'indicazione degli arcomenti da trattare, il luogo, il giorno, l'ora dell'adunanza, in prima ed in seconda convocazione. L'assemblea deve essere convocata in Ozieri anche fuori dalla sede sociale.
Nel caso che vi sia da deliberare sull'elezione o la nomina dei componenti degli Organi dell'Associazione, il Consiglio Direttivo, in una con l'avviso di convocazione, se è possibile, manderà un elenco dei candidati.
L'avviso di convocazione dell'assemblea deve essere spedito almeno quindici giorni prima di quello fissato per l'adunanza.

Art. 12

Nell'assemblea hanno diritto di intervenire e di votare tutti gli associati che alla data di apertura della stessa sono in regola con il pagamento della quota da almeno tre mesi. L'associato può farsi rappresentare per delega scritta da un altro associato che non sia componente del Consiglio Direttivo. Un associato può rappresentare soltanto un altro associato.

Art. 13
L'Assemblea è presieduta da un Presidente eletto da essa stessa. L'Assemblea nomina pure un segretario e, se del caso, tre scurtatori. Delle adunanze dell'Assemblea si redice processo verbale firmato dal Presidente, dal Segretario e eventualmente dagli scrutatori, e trascritto nell'apposito libro.

Art. 14
Le deliberazioni dell'Assemblea sono prese a maggioranza di voti e con la presenza di almeno la metà degli associati in prima convocazione. In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero dei presenti.
Tra la prima e la seconda convocazione vi deve essere un intervallo di almeno un'ora.
Per deliberare la modifica dell'atto costitutivo e dello Statuto occorre la presenza di almeno tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Per deliberare lo scioglimento dell'Associazione, la mesa in liquidazione e la devoluzione del patrimonio netto residuo, occorre il voto favorevole di almeno i tre quarti degli associati.

Art. 15
Il Consiglio Direttivo viene eletto dall'Assemblea degli associati, per la durata di tre anni.
In caso di dimissioni o decesso di un consigliere, il Consiglio nella prima riunione provvede alla sua sostituzione, chiedendone convalida alla prima assemblea. 
Il Consiglio Direttivo è formato da cinque componenti.
Per l'elegibilità è richiesto che ogni candidato:
a) sia associato in regola con il pagamento da almeno due anni consecutivi, compreso quello in corso.
b) abbia la piena capacità di obbligarsi;
c) sia presentato da almeno tre associati aventi diritto al voto.

Art. 16
Il Consiglio Direttivo si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga opportuno, o ne sia fatta richiesta da almeno tre dei suoi componenti, e comunque almeno una volta l'anno per deliberare in ordine al consuntivo ed al preventivo, alla relazione morale e finanziario con lo stato patrimoniale ed il rendiconto di gestione, e alle cuote associative.
Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza della maggioranza dei componenti del COnsiglio ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
In caso di parità prevale il voto di chi presiede.
Il C.D. è presiduto dal Presidente, in sua assenza dal Vice Presidente. In assenza di entrambi, dal più anziano di età dei presenti. 

Art. 17
Il Consiglio Direttivo nomina, nel proprio seno, un Presidente, un Vice Presidente ed un Segretario.
Un componente del Consiglio può venire incaricato della cura di un particolare ramo di attività dell'Associazione.

Art. 18
Il C.D. è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell'Associazione, senza limitazioni. Esso procede anche alla nomina degli eventuali dipendenti ed impiegati determinandone i compiti e la retribuzione; compila i regolamenti per l'ordinato e proficuo funzionamento dell'Associazione, la cui osservanza è obbligatoria per tutti gli associati.
I regolamenti perdono di validità se non vengono ratificati dalla prima Assemblea.

Art. 19 
Il Presidente del Consiglio Direttivo, ed in sua assenza il Vice Presidente, rappresenta legalmente la Associazione nei confronti di terzi ed in giudizio, cura l'esecuzione delle deliberazione dell'Assemblea e del Consiglio e, nei casi di urgenza, può esercitare il poteri del Consiglio salvo ratifica da parte di questo alla prima riunione.

Art. 20
L'Assemblea degli associati nomina tre Revisori dei Conti. Il Collegio dei Revisori dei Conti ha potere di controllo e di revisione sulla amministrazione dell'Associazione, con tutte le attribuzioni stabilite dal presente Statuto, dai Regolamenti e dalle leggi vigenti in materia.
I Revisori possono essere non associati e durano in carica tre anni.

Art. 21
Tutte le cariche associative sono gratuite, salvo il rimborso delle spese autorizzate e riconosciute dal Consiglio Direttivo.

Titolo VI - Scioglimento e liquidazione

Art. 22
Lo scioglimento dell'Associazione è delibearto dall'Assemblea degli associati, la quale provvede alla nomina di uno o più liquidatori e in ordine alla devoluzione del patrimonio netto residuo, il quale va devoluto ad altra Associazione, sodalizio, ente od istituzione, pubblici e privati, che al tempo perseguano analoghi fini culturali della sciolta Associazione.
È comunque esclusa ogni divisione del detto patrimonio tra gli associati.

Titolo VII - Norme regolamentiari finali

Art. 23
Per l'attuazione del presente statuto il Consiglio Direttivo delibera le disposizioni regolamentari specificatamente previste e quelle che risultino necesarie, anche in tempi diversi.

Art. 24
Per quanto non previsto nel presente Statuto, si fa esplicito rimando alle norme del C.C: in materia. 

 

Scarica Statuto [.pdf]




 




 
L'Associazione
- atto costitutivo e statuto
Il Premio
- iscrizioni
- edizioni passate
I Documenti
I Cori
- attivitą della giuria
Stampa e Media
Video
Contatti

Premio Biennale Cittą di Ozieri per Cori Tradizionali Sardi - Creative Commons License 2017